Noi, piattaforme cooperative, ci opponiamo ad Amazon e agli altri

10_Dic_2020Amici & Partners, Cooperative, Visione

Appello collettivo firmato dalle principali piattaforme cooperative che, di fronte ai monopoli digitali di Amazon, Uber, ecc., chiedono supporto al loro modello

I colossi delle piattaforme digitali come Amazon, Uber, Airbnb o Deliveroo hanno un impatto positivo sul mondo del lavoro?
Contribuiscono equamente alle tasse?
Rispettano i nostri territori e i loro sistemi ecologici?

No, tre volte no.

Dobbiamo rassegnarci al degrado che ci infliggono?

Non necessariamente.

Altre forme di piattaforme digitali sono possibili. Piattaforme che pagano le tasse laddove producono valore, che includono le comunità locali e gli utenti nelle loro procedure, che rispettano gli uomini e le donne che lavorano con loro, che proteggono gli ecosistemi non incoraggiando la sovrapproduzione economica…

Molte di queste piattaforme esistono già, generalmente in forma cooperativa: CoopCircuits fornisce l’accesso ai prodotti locali, CoopCycle offre la logistica per le consegne in bicicletta, Fairbnb.coop si occupa di alloggi, Label Emmaüs permette di acquistare oggetti di seconda mano, Mobicoop e Railcoop consentono di muoversi in maniera sostenibile. Completano questa serie virtuosa Commown e TeleCoop, che commercializzano prodotti digitali e piani telefonici più responsabili per l’accesso alle piattaforme, ed Enercoop, che fornisce l’energia sostenibile necessaria a far funzionare server e terminali.

Allora? Siete pronti a uscire dall’assuefazione ai monopoli digitali? A supportare queste piattaforme nel loro sviluppo, costruendo le tanto attese alternative ai monopoli digitali?

Qui spetta a tutti assumersi le responsabilità. Le autorità locali sono fondamentali per dare vita alle iniziative nei territori. Lo Stato deve svolgere il suo ruolo opponendosi fermamente alle situazioni di monopolio delle grandi piattaforme e fornendo un quadro giuridico favorevole alle piattaforme cooperative. Le confederazioni e le banche cooperative possono aiutare a strutturare finanziariamente e a dare visibilità tra i propri membri. Gli utenti hanno il potere di cambiare il corso delle cose, abbandonando massicciamente le piattaforme giganti in favore delle piattaforme cooperative.

Ciascuna delle nostre piattaforme è pienamente consapevole: siamo piccole barche che affrontano i colossali vascelli rappresentati dalle grandi piattaforme digitali. Ma non c’è alcun dubbio che gli utenti stiano aspettando delle alternative, e noi lo siamo!

Sosteneteci!

Co-firmatari:

  • Bérengère Batiot, responsabile sviluppo e comunicazione di CoopCircuits
  • Emanuele dal Carlo, co-fondatore e presidente di Fairbnb.coop
  • Eric Laclaverie, vicepresidente di CoopCycle
  • Adrien Montagut, co-fondatore di Commown
  • Julien Noé, fondatore di Enercoop
  • Pierre Paquot, co-fondatore di TeleCoop
  • Maud Sarda, co-fondatrice e direttrice di Label Emmaüs
  • Bastien Sibille, co-fondatore e presidente di Mobicoop

Ti interessa collaborare con Fairbnb.coop?

Clicca qui per scoprire i molti modi per collaborare con noi.
Hai fretta? Scrivi a info@fairbnb.coop

Anche al momento di prenotare la tua casa vacanze puoi agire locale, sostenendo progetti sociali nella comunità che visiterai.

Seguici su

Fairbnb.coop Logo

Perché Fair?

Come funziona:
Con noi l'Host non paga nulla,
il Guest non spende di più
ma i vantaggi vanno a tutta la comunità.

Infatti il 50% della nostra commissione viene donato ad un progetto sociale della comunità in cui si reca il viaggiatore

Questo è quello che noi chiamiamo
Community Powered Tourism.

Vuoi saperne di più?

Argomenti